Month: maggio 2015

MagazziniOz, la solidarietà rende libri

Una biblioteca di tutti nel senso che i libri ce li mettono tutti. Il 29 maggio i MagazziniOz, si aprono ad una nuova esperienza orientata alla divulgazione culturale. Nasce qui una Biblioteca particolare,
dove l’utente si trasforma in “Costruttore” e contribuisce a mantenere in vita, salvaguardare e promuovere un patrimonio prezioso per la collettività. Oltre a voler tutelare un capitale fondamentale per la cultura di tutti, l’impegno della biblioteca è quello di incrementarlo attraverso servizi e iniziative che partono dall’adesione al modulo di iscrizione: ogni utente infatti, che potrà consultare i volumi ai MagazziniOz o prenderli in prestito, diventa automaticamente un “Costruttore”, impegnandosi a donare ogni anno alla Biblioteca almeno un libro da scegliere all’interno di un catalogo, e su cui verrà apposto il suo nome. Ogni volume gode di una vita propria, che però ne influenzerà tante altre, quelle di coloro che lo hanno letto cercandovi risposte, scoprendo nuove domande o nuovi orizzonti. Il cuore pulsante della Biblioteca risiede invece nella missione collettiva di salvare i libri dai danni del tempo e dall’oblio, conservandoli e continuando a donarli e farli conoscere.

Socializzazione e cooperazione: questi gli obiettivi di uno strumento a disposizione di tutti i cittadini che favorisce l’accesso al sapere e incentiva soprattutto il diritto alla formazione intellettuale della comunità giovanile.
Durante la giornata si alterneranno “incursioni poetiche” e letture di brani da parte dei ragazzi del Liceo Europeo del Convitto Umberto I tratte da “Esercizi di Stile” di Queneau.
A tutti quelli che interverranno sarà infine consegnato un sacchetto con il pane realizzato dai ragazzi della cucina dei MagazziniOz. Una struttura che ha molte anime, che danno corpo a tante attività, con particolare attenzione al settore didattico. Qui i ragazzi, infatti, possono venire a studiare o assistere ad approfondimenti tematici affrontati con un approccio originale: confrontandosi con gli altri, coltivando passioni e valutando varie opportunità per il futuro. Magari scaturite anche solo da una buona lettura. In occasione della giornata inaugurale, il Dipartimento di Educazione del Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea realizzerà un’azione collettiva che coinvolgerà tutti i presenti, invitandoli a partecipare ad  installazioni artistiche per dare una nuova veste alternativa a vecchi libri.

Ai ragazzi di tutte le classi scolastiche che interverranno verrà poi chiesto di contribuire ad arricchire la Biblioteca donando un libro a loro scelta e, in segno di reciproco scambio, i MagazziniOz regaleranno loro un “Classico” della letteratura tra quelli che sono inseriti nella sezione dei “Libri Urgenti”, cioè i titoli da leggere necessariamente.   I magazzini Oz sono un luogo nato per essere “utile per il sociale” sostenendo attraverso la propria attività CasaOz Onlus, a disposizione delle famiglie i cui bambini stanno affrontando la malattia, accompagnandoli in un percorso di ritorno alla normalità.

Fonte: alinews.it

L’articolo MagazziniOz, la solidarietà rende libri sembra essere il primo su AliNews.

Piace la fatturazione elettronica

(Alinews.it) – Torino, 5 mag 2015 – Dal 31 marzo 2015 è scattato l’obbligo di fatturazione elettronica verso tutta la Pubblica Amministrazione. Per agevolare le PMI che si trovano ad affrontare questa novità legislativa, la Camera di commercio di Torino ha messo a disposizione delle imprese un servizio on line, gratuito ed estremamente semplice, che sta riscuotendo grande successo, con quasi 500 imprese utilizzatrici ad oggi, in rapido aumento giorno dopo giorno.

Il servizio agevola la compilazione delle fatture, la sottoscrizione attraverso la firma digitale, l’invio, il monitoraggio e l’archiviazione a norma delle fatture inviate, ed è messo a disposizione dal sistema camerale, in collaborazione con l’Agenzia per l’Italia digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Unioncamere e InfoCamere, sul portale web fattura-pa.infocamere.it.

A livello nazionale guida la classifica Bolzano con 778 imprese utilizzatrici, seguono Roma (716), Trento (603), Bari (576) e al quinto posto Torino, per un totale nazionale di 20.638 imprese aderenti e 45.137 fatture registrate.

Con l’obbligo della fatturazione elettronica migliorano i rapporti tra PA e fornitori, consentendo al Paese un maggior controllo della spesa pubblica e alle PMI di risparmiare una cifra media annua che l’Agenzia per l’Italia Digitale stima in circa 500 euro, grazie all’efficienza del digitale e alla semplicità della procedura.

L’articolo Piace la fatturazione elettronica sembra essere il primo su Alinews.

Terrorismo e violenze di piazza, unico pool a Torino

(Alinews.it) – Torino, 5 mag 2015 – “Un unico gruppo di magistrati che si occuperà dei fatti di terrorismo veri e propri ma anche dei reati commessi durante le manifestazioni pubbliche. Lo ha annunciato il capo della Procura di Torino, Armando Spataro a margine del convegno su “La forza della democrazia vecchi e nuovi terrorismi” in corso presso la Cgil di Torino sottolineando che “il piano verrà varato formalmente tra pochi giorni”.Il pool, ha comunque spiegato Spataro, “è di fatto operante. Fino a questo momento – ha precisato – la Procura di Torino vedeva due articolazioni interne che si occupano di questa materia quella denominata terrorismo ed eversione e quella sulla criminalità legata ai fenomeni tipo quelli delle violenze no Tav”.
Spararo, ha poi smentito le ipotesi di alcuni quotidiani secondo cui nel distretto giudiziario di Torino sia in atto una “lite” o “rivolta” sul tema della riduzione delle ferie dei magistrati: “C’è una discussione tecnica che non va enfatizzata – ha detto Spataro a margine del convegno promosso dalla Cgil, Cisl e Uil su “La forza della democrazia, vecchi e nuovi terroristi” – che nasce da una distrazione legislativa. Sno rimaste in piedi due norme – ha spiegato Spataro – una delle quali dice che i giorni di ferie sono 45, l’altra che li riduce a 30″.”Io – ha proseguito Spataro – sono in contatto con molti procuratori distrettuali e non ce ne è uno che fino a questo momento non abbia adottato la scelta della Procura di Torino: i 30 giorni di ferie più i 6 di festività soppresse rimasti in piedi”. “È giusto – ha osservato il magistrato – che il procuratore generale di Torino Marcello Maddalena abbia chiesto al Csm di chiarire, a cui per legge viene assegnato il compito di dare direttive sulle modalità di godimento delle ferie. Quindi aspettiamo la risposta”. “Credo però – ha concluso Spataro – che la volontà del legislatore sia inequivoca e quindi non si tratta di adeguarsi attraverso una scelta comoda. Se avremo diverse direttive dal Csm oppure sarà diversa l’interpretazione della giustizia amministrativa a cui alcuni magistrati – non mi risulta che siano torinesi – si sono rivolti, ci adegueremo”.

L’articolo Terrorismo e violenze di piazza, unico pool a Torino sembra essere il primo su Alinews.

Bomba al derby, identificati 4 ultrà juventini

(Alinews.it) – torino, 5 mag 2015 – Due torinesi e due lombardi: Sarebbero stati identificati i responsabili del lancio della bomba carta che nel derby Toro-Juve di due domeniche fa ha provocato il ferimento di una decina di tifosi granata. Sono state eseguite perquisizioni nelle loro abitazioni che, informa la questura del capoluogo piemontese in una nota, “hanno consentito di raccogliere significativi ed utili elementi a carico di alcune delle persone perquisite, che si ritengono coinvolte nel più grave episodio del lancio dell’artificio esplodente”.
Per uno dei quattro, trovato in possesso di una cospicua quantità di cocaina e di altri stupefacenti, sono scattate le manette, mentre altri due sono stati denunciati, uno per possesso di alcuni grammi di cocaina, l’altro, con precedenti penali e in passato sottoposto a Daspo, per possesso di tre proiettili calibro 22.

I quattro ultrà, le cui abitazioni sono state perquisite dalla Digos, è composto da un giovane di 29 anni residente a Collegno (Torino), di un torinese di 42 anni e di due 28enni, uno residente in provincia di Milano, l’altro nel bergamasco.
 Intanto proseguono le indagini, coordinate dal sostituto procuratore di Torino, Andrea Padalino.


L’articolo Bomba al derby, identificati 4 ultrà juventini sembra essere il primo su Alinews.

De Tomaso, ex dipendenti ai lavori sociali

(Alinews.it) – Torino, 5 mag 2015 – Le prime convocazioni sono arrivate via lettera raccomandata, altre stanno arrivando via Sms, soprattutto, pare, agli ex dipendenti residenti nella cintura torinese. Si tratta della chiamata per i lavoratori ex De Tomaso per i lavori socialmente utili. Per alcuni di questi come quelli, regionali, che hanno previsto una convocazione per il prossimo 11 maggio presso il Cpi di Moncalieri, è prevista una remunerazione di 500 euro, per altri invece è una condizione per mantenere la mobilità. Pulizia , piccola manutenzione di edifici pubblici o altro, non tutti sono stati accettati serenamente anche se sono per ora l’unico legame con un’attività per chi da anni è fermo tra cig e mobilità. Intanto la Fiom chiede un confronto tra sindacati e mondo delle imprese sulla ricollocazione dei lavoratori colpiti dalla crisi, a partire dagli 800 lavoratori della De Tomaso. Vittorio De Martino, segretario regionale della Fiom-Cgil e Federico Bellono, segretario provinciale della Fiom-Cgil, questa mattina hanno partecipato a un’assemblea davanti ai cancelli dello stabilimento di Grugliasco dell’azienda fallita. I marchi e il prototipo Deauville della De Tomaso sono passati di recente, per 1,05 milioni di euro, nelle mani del gruppo cinese Ideal Team Venture, che però non ha presentato alcun piano industriale per la ricollocazione dei dipendenti, 800 solo a Grugliasco e oltre cento a Livorno. Con il saldo di tutta la cifra offerta, che sarebbe avvenuto nei giorni scorsi, l’aggiudicazione è diventata definitiva. Il confronto con sindacati e imprenditori per trovare una soluzione sottolineano i sindacalisti è stato “promesso in prima persona dal presidente della Regione Sergio Chiamparino. Per noi la vertenza De Tomaso non sarà chiusa fintanto che non si troverà una soluzione per i lavoratori”.

L’articolo De Tomaso, ex dipendenti ai lavori sociali sembra essere il primo su Alinews.