Month: agosto 2015

Piemonte: futuro cercasi tra vecchia e nuova economia

Nell’articolo pubblicato nel primo numero de La porta di vetro fotografavo la realtà produttiva europea con una mappa al 2010; ora abbiamo una mappa più aggiornata, al 2011 (pubblicata nel 2014), riportata nella Figura 1. Questa mappa tiene maggiormente conto degli effetti più dirompenti della crisi, che hanno pesato sull’economia soprattutto dal 2009 al 2011.

Che cosa leggiamo: la mappa mostra che l’industria è localizzata nel centro-nord italiano e nel cuore della Germania. Per l’Italia si noti la fascia che va dal Piemonte all’Emilia-Romagna, al Veneto ed al Friuli-Venezia Giulia, per poi discendere lungo la fascia adriatica. La Germania più forte in campo industriale è quella meridionale, con settori produttivi anche molto simili a quelli del centro-nord italiano, soprattutto nella meccanica, costruzione di macchinari e mezzi di trasporto. Esiste anche una grande zona industriale centro europea, nei paesi di nuova acquisizione all’Unione. Si tratta però di quote produttive elevate cui non corrispondono altrettanto rilevanti valori assoluti di produzione. Riassumendo: il centro vitale dell’industria europea è ancora in Germania ed in Italia. Troveremo importanti conferme di quest’analisi in altri dati.

Continue reading