La Federazione piemontese dell’Aiccre a congresso

Giovedì 15 novembre, presso la Sala delle Bandiere del Consiglio regionale del Piemonte, si è svolta l’Assemblea congressuale della Federazione regionale piemontese dell’Aiccre. Convocata per l’approvazione del nuovo Statuto, l’Assemblea è stata occasione per precisare funzioni e obiettivi futuri di una Federazione che conta più di centosettanta Comuni aderenti, oltre al Consiglio regionale del Piemonte. In apertura, il Presidente Antonino Boeti ha sottolineato come non si debba avere paura dell’Europa. La Vice Presidente Maria Gabriella Ramello, coordinando i lavori, ha sottolineato più volte l’importanza dell’Aiccre come associazione al servizio degli Enti locali capace di operare in una prospettiva concretamente europeista, costruire progetti, partenariati e rapporti con soggetti di altri Paesi dell’Ue.

Filo rosso dell’intero consesso è stato l’accesso ai fondi europei. Su questo tema, il Segretario regionale, Davide Rigallo, ha illustrato come l’impegno della Federazione intenda svilupparsi sia sul piano politico, adoperandosi perché l’accesso ai fondi europei diventi una vera priorità nelle agende dei Poteri regionali e locali, sia sul piano operativo, offrendo agli Enti territoriali un supporto informativo, formativo e, ove richiesto, di accompagnamento alla progettazione. Il dibattito ha quindi visto intervenire l’Assessora regionale e Portavoce Ccre Monica Cerutti, che ha messo in rilievo il ruolo della Federazione nella progettazione su ambiti di particolare urgenza, come il contrasto alla violenza di genere e la democrazia paritaria. Il Consigliere delegato alla Consulta regionale europea, Gabriele Molinari, ha sottolineato l’importanza del ciclo  di incontri “L’Unione europea: l’importanza dei fondi per gli operatori pubblici e privati” che prenderà avvio il 22 novembre prossimo a Vercelli, per poi svilupparsi in altri tre capoluoghi piemontesi. Michele Ruggiero, del Direttivo della Federazione, riferendosi alla storia dell’Aiccre, ha ulteriormente sottolineato l’indispensabilità di sviluppare le capacità di risposta dell’associazione ai problemi che le trasformazioni sociali, economiche e politiche degli ultimi anni stanno imponendo ai Comuni.

Prendendo la parola, il Vice Segretario regionale Laura Gaudenzi ha comunicato l’adesione del Comune di Caselette alla “Carta europea per l’uguaglianza e la parità delle donne e degli uomini nella vita locale” e ha ribadito l’importanza di contattare direttamente i Comuni per sensibilizzarli alla partecipazione e alla condivisione dei bisogni. Infine, nelle sue conclusioni, la Vice Presidente Ramello, anche nella sua qualità di Assessore del Comune di Nichelino, ha sottolineato l’importanza dell’approvazione dello Statuto come strumento essenziale perché la Federazione possa offrire il suo supporto ai Comuni in una forma adeguata ai bisogni di questa fase storica.

Posted on: 2018/11/17, by : Mivhele Ruggiero