Alla scoperta dei siti contaminati in Italia
6. Considerazioni conclusive

di Pietro Comba
Daniela Marsili
e Roberto Pasetto|

|

Siamo giunti all’ultima puntata del saggio sull’analisi ambientale nel nostro Paese che studiosi e ricercatori di provata credibilità quali Pietro Comba, Daniela Marsili e Roberto Pasetto hanno messo a disposizione della Porta di Vetro. Il loro intervento ha proposto con chiarezza la necessità di intensificare le azioni per salvaguardare l’ambiente e per ridurre i rischi che incombono sulla salute dei cittadini. Rischi che derivano da un rapporto con lo sviluppo industriale che si è progressivamente distorto negli ultimi cinquant’anni. Del resto, i propositi di coniugare profitto e tutela dei diritti delle persone e rispetto di leggi e normative, quasi sempre sbandierati con estrema disinvoltura, quanto accolti con comprensibile scetticismo dai territori coinvolti, sono naufragati alla luce di risultati che – è innegabile – sono anche il prodotto del prolungamento dell’arrendevolezza della classe politica nell’accettare produzioni industriali a rischio. Un’arrendevolezza da Terzo mondo che se negli anni Cinquanta del Novecento era spiegabile – in una logica di spietata e non negoziabile divisione dei mercati internazionali – per assicurare il decollo della nostra economia, nei decenni successivi era ragionevole che dovesse cambiare carattere. All’opposto, quella mentalità è penetrata nel Paese come una malattia endemica e paralizzante di cui oggi si continua a vedere le cicatrici e a pagare prezzi esorbitanti.

L’industrializzazione di Europa e Nord America è stata diffusamente caratterizzata da fenomeni di contaminazione di suoli, acque superficiali, acque di falda e catena alimentare, oggetto di studi e di interventi di risanamento ambientale a partire, indicativamente, dagli anni Settanta-Ottanta del Ventesimo Secolo. Così come i decenni finali del Secolo passato, ancora il Ventunesimo sta assistendo a un’industrializzazione spesso sregolata soprattutto in Asia, Africa e America Latina, che si accompagna alla selettiva migrazione in questi continenti di lavorazioni ad alto rischio e di rifiuti pericolosi, seguendo il gradiente dei diversi standard di qualità ambientale e della diversa cogenza della normativa (Comba et al., 2016).

In questo quadro l’Italia ha recepito le norme europee e si misura seriamente con la bonifica dei suoi siti contaminati, ma al suo interno presenta un quadro molto diversificato della protezione dell’ambiente e della tutela della salute, in particolare con situazioni più critiche nel Mezzogiorno, come discusso nel presente contributo. Questa situazione implica l’accentuarsi di diseguaglianze nelle esposizioni a fattori di rischio e ad altre condizioni sfavorevoli, che incidono sulle condizioni di salute delle comunità e degli individui. In questo quadro, si va chiarendo l’importanza di ridurre, fra le altre, la vulnerabilità socio-relazionale, attraverso lo sviluppo di processi di comunicazione partecipati nelle comunità più esposte ai rischi ambientali. Nelle comunità residenti in prossimità dei siti contaminati, infine, appare sempre più necessario mettere a frutto la collaborazione tra scienze della salute ambientale (a partire dall’epidemiologia ambientale) e le scienze sociali (Hoover et al., 2015), così come migliori relazioni tra ricercatori coinvolti negli studi e comunità (Lichtveld et al., 2016) per poter meglio contribuire all’analisi delle cause e dei molteplici impatti che la contaminazione di ampi territori ha sulle popolazioni residenti.



BIBLIOGRAFIA

Amerio P. L’evoluzione del concetto di comunità nella cultura occidentale. In Palmonari A, Zani B (a cura di). Manuale di psicologia di comunità. Il Mulino, Bologna 1996. pp 19-38.

Bagnasco A. 1992. Comunità. In: Enciclopedia delle scienze Sociali, Treccani. Disponibile all’indirizzo: http://www.treccani.it/enciclopedia/comunita_%28Enciclopedia-delle-scienze-sociali%29

Bertollini R, Faberi M, Di Tanno N. (a cura di). Ambiente e salute in Italia. Organizzazione Mondiale della Sanità. Centro Europeo ambiente e salute. Divisione di Roma. Roma. Il Pensiero Scientifico Editore. 1997.

Bianchi F, Comba P. (Ed.). Indagini epidemiologiche nei siti inquinati: basi scientifiche, procedure metodologiche e gestionali, prospettive di equità. Roma: Istituto Superiore di Sanità; 2006. (Rapporti ISTISAN 06/19). Disponibile all’indirizzo: https://www.iss.it/rapporti-istisan

Comba P, Bianchi F, Iavarone I, Pirastu R. (Ed.). Impatto sulla salute dei siti inquinati: metodi e strumenti per la ricerca e le valutazioni. Roma: Istituto Superiore di Sanità; 2007. (Rapporti ISTISAN 07/50). Disponibile all’indirizzo: https://www.iss.it/rapporti-istisan

Comba P, Ricci P, Iavarone I, Pirastu R, Buzzoni C, Fusco M, Ferretti S, Fazzo L, Pasetto R, Zona A, Crocetti E; ISS-AIRTUM Working Group for the study of cancer incidence in contaminated sites. Cancer incidence in Italian contaminated sites. Ann Ist Super Sanita 2014;50(2):186-91. doi: 10.4415/ANN_14_02_13.

Comba P, Iavarone I, Pirastu R. Contamined sites: a global issue. Preface. Ann Ist Super Sanita 2016;52(4):472-475. doi: 10.4415/ANN_16_04_02.

Cori L, Cocchi M, Comba P. (Ed.). Indagini epidemiologiche nei siti di interesse nazionale per le bonifiche delle regioni italiane previste dai Fondi strutturali dell’Unione Europea. Roma: Istituto Superiore di Sanità; 2005. (Rapporti ISTISAN 05/1). Disponibile all’indirizzo: https://www.iss.it/rapporti-istisan

Beppe Fenoglio. Un giorno di fuoco. Garzanti. 1963.

Hoover E, Renauld M, Edelstein M.R, Brown P. Social Science Collaboration with Environmental Health. Environ Health Perspect. 2015;123(11):1100-6. doi: 10.1289/ehp.1409283 IARC. Fluoro-edenite. In: IARC Monographs on the evaluation of carcinogenic risks to humans. Some Nanomaterials and Some Fibres. Vol.111. Lyon, France, International Agency for Research on Cancer. 2017:215-42. Disponibile all’indirizzo: http://monographs.iarc.fr/ENG/Monographs/vol111/index.php

Kuhlicke C, Steinführer A, Begg C, Bianchizza C, Bründl M, Buchecker M, et al. Perspectives on social capacity building for natural hazards: outlining an emerging field of research and practice in Europe. Environmental Science & Policy 2011;14(7):804-14 doi: http://dx.doi.org/10.1016/j.envsci.2011.05.001

Primo Levi. Nichel. In: Il sistema periodico. Einaudi. 1975.

Lichtveld M, Goldstein B, Grattan L, Mundorfet C. Then and now: lessons learned from community- academic partnerships in environmental health research. Environ Health. 2016;15(1):117. doi:10.1186/s12940-016-0201-5

Marsili D. Meccanismi di generazione e mantenimento delle disuguaglianze nei siti contaminati. In: Pasetto R. Fabri A. (a cura di). 2020. La Environmental Justice nei siti industriali contaminati: documentare le disuguaglianze e definire gli interventi. Rapporti ISTISAN 2020. In stampa.

Marsili D, Battifoglia E, Bisceglia, Fazzo L, Forti M, et al. La comunicazione nei siti contaminati. In: Zona A, Pasetto R, Fazzo L, Iavarone I, Bruno C, Pirastu R, Comba P (Ed). SENTIERI Studio epidemiologico nazionale dei territori e insediamenti esposti a rischio da inquinamento. Quinto Rapporto. Epidemiol Prev 2019a;43(2-3 Suppl 1):1-208. doi:10.19191/EP19.2-3.S1.032. Pp 198-206

Marsili D, Magnani C, Canepa A, Bruno C, Luberto F, Caputo A, Fazzo L, Zona A, Comba P. Communication and health education in communities experiencing asbestos risk and health impacts in Italy. Ann Ist Super Sanita. 2019b;55(1):70-79 doi: 10.4415/ANN_19_01_14

Martuzzi M, Mitis F, Pirastu R, Iavarone I, Pasetto R, Musmeci L, Zona A, Conti S, Bianchi F, Forastiere F, Comba P. Progetto SENTIERI: Valutazioni globali del carico di mortalità nei siti di interesse nazionale per le bonifiche Epidemiol Prev 2011;35(5-6) Suppl 4:153-62. Disponibile all’indirizzo: http://www.epiprev.it/materiali/2011/EP2011_I5-6S4_153.pdf

Paccagnella L. Sociologia della comunicazione. Il Mulino, Bologna. 2004. p.27.

Pasetto R, Zengarini N, Caranci N, De Santis M, Minichilli F, Santoro M, Pirastu R, Comba P. Environmental justice nel sistema di sorveglianza epidemiologica SENTIERI. Epidemiol Prev 2017, 41(2):134-39.

Pasetto R, Mattioli B, Marsili D. Environmental Justice in Industrially Contaminated Sites. A Review of Scientific Evidence in the WHO European Region. Int J Environ Res Public Health 2019;16(6). pii: E998. doi:10.3390/ijerph16060998.

Pasetto R, Iavarone I. Environmental Justice in industrially contaminated sites: from the development of a national epidemiological monitoring system to the birth of an international network. In: Mah A, Davis T, editors. Toxic truths: environmental justice and citizen science in a post-truth age. Manchester: Manchester University Press 2020. pp 199-219. In stampa.

Pasetto R. Fabri A. (a cura di). 2020. La Environmental Justice nei siti industriali contaminati: documentare le disuguaglianze e definire gli interventi. Rapporti ISTISAN 2020. In stampa.

Pirastu R, Ancona C, Iavarone I, Mitis F, Zona A, Comba P. (a cura di). SENTIERI- Studio Epidemiologico Nazionale dei Territori e degli Insediamenti Esposti a Rischio da Inquinamento: Valutazione dell’evidenza epidemiologica. Epidemiol Prev 2010;34(5-6) Suppl. 3:1-96. Disponibile all’indirizzo: http://www.epiprev.it/materiali/2010/Cover_SENTIERI.pdf

Pirastu R, Iavarone I, Pasetto R, Zona A, Comba P. (a cura di). SENTIERI- Studio Epidemiologico Nazionale dei Territori e degli Insediamenti Esposti a Rischio da Inquinamento: Risultati. Epidemiol Prev 2011;35(5-6) Suppl. 4:1-204. Disponibile all’indirizzo: http://www.epiprev.it/materiali/2011/SENTIERI/EP2011Sentieri2_lr_full.pdf

Pirastu R, Comba P, Conti S, Iavarone I, Fazzo L, Pasetto R, Zona A, Crocetti, Ricci P. (a cura di). SENTIERI- Studio Epidemiologico Nazionale Territori e degli Insediamenti Esposti a Rischio da Inquinamento: Mortalità, incidenza oncologica e ricoveri ospedalieri. Epidemiol Prev 2014;38(2)Suppl. 1:1-170. Disponibile all’indirizzo: http://www.epiprev.it/materiali/2014/EP2/S1/EPv38i2S1_SENTIERIind.pdf

Saitta P. History, space, and power. Theoretical and methodological problems in the research on areas at (industrial) risk. Journal of Risk Research 2012;15(10) 1299-1317.

Leonardo Sciascia. Il mare color del vino. Einaudi 1973.

Statera G. Problemi della sociologia. Palumbo Editore 1978. p.176.

United Nations Economic Commission for Europe (UNECE). Aarhus Convention on Access to Information, Public Participation in Decision-making and Access to Justice in Environmental Matters”. 1998. Disponibile all’indirizzo: http://www.unece.org/env/pp/treatytext.html



Posted on: 2020/07/30, by :