Appuntamento con la “Storia della Sanità”
Capitolo I: La ricerca del benessere

di Emanuele Davide Ruffino
e Germana Zollesi |

|

Con questo primo articolo comincia il lungo racconto di Emanuele Davide Ruffino e di Germana Zollesi che ci porterà a scoprire una storia che più di ogni altra sentiamo nostra, perché quotidiana, perché o vissuta in prima persona o indirettamente ci tocca sempre sulla pelle. Riteniamo così che ci debba sempre interessare: è la “Storia della sanità”, della salute, di vittorie e sconfitte, di grandi soddisfazioni e di amare delusioni. E gli episodi che saranno presentati tentano di raccogliere in modo ragionato e, quando possibile anche un po’ leggiadro, le esperienze maturate, gli errori compiuti e le soluzioni adottate nel settore. Se la Medicina è la scienza che si occupa di fa guarire il malato, è tutta la società, con le sue risorse e la sua cultura, che prepara le condizioni affinché ciò avvenga. La storia della sanità diventa così il preambolo per realizzare migliori condizioni di welfare.

Se le singole scienze sono inevitabilmente patrimonio degli studiosi della materia, l’analisi storica, quale presupposto per il raggiungimento di maggiori condizioni di benessere, è interesse di tutti. L’inconfessabile desiderio di immortalità ha caricato la sanità di aspettative impossibili da realizzare e, con la crisi finanziaria, ne ha spento anche molte illusioni sulle potenzialità del settore obbligando a confrontarsi con le fredde leggi dell’economia. Avvertire un bisogno si è spesso trasformato nel rivendicare un diritto che per concretizzarsi deve però essere supportato da soluzioni che garantiscano almeno un soddisfacente stato di salute.

L’attenzione alla salute come parametro qualificante del Welfare

L’inconfessabile desiderio di immortalità ha portato le collettività tutte alla ricerca di soluzioni che garantiscano almeno un soddisfacente stato di salute attraverso soluzioni diverse e l’elaborazione di nuove e più sofisticate tecnologie. Oggi che il problema assorbe ingenti risorse (in alcuni Paesi la percentuale delle risorse indirizzate verso la sanità supera il 10% della ricchezza prodotta) ed è generalmente considerato uno degli aspetti più qualificanti della “vivibilità” di una società (non vi è programma politico che non dedichi, sia a livello nazionale che a livello locale, un ampio spazio a questo aspetto), non si dispone ancora di modelli generalmente accettati, anche se gli sforzi compiuti in sede O.M.S. hanno permesso negli ultimi decenni di portare il problema sanitario a livello planetario, obbligando i singoli Stati a misurarsi sulla loro capacità di rispondere alle esigenze della loro popolazione.

Il lungo cammino per dare alla nostra civiltà il benessere psicofisico

Come organizzarsi per affrontare i problemi di salute ha sempre costituito un costante impegno nell’esistenza dell’uomo sulla terra e la ricerca di ogni possibile rimedio per la conquista di un più elevato livello di benessere è stata un’esperienza fondamentale per il camminino verso più elevate forme di civiltà. Organizzazione, tipologie delle risorse destinate, atteggiamenti culturali, programmazione ed evoluzione scientifica sono aspetti da esaminare per capire l’evolversi, nel corso dei millenni, dell’approccio al problema salute, evidenziando come il successo in ambito sanitario derivi dal contributo offerto da un’infinità di fattori. Partendo dagli albori della preistoria per giungere alle crisi finanziaria dei giorni nostri si tenta di ripercorrere e reinterpretare gli sforzi che le diverse civiltà hanno compiuto per garantire un sempre più efficiente livello di cure per i singoli e per le collettività nel loro insieme.

Analisi storiche anche attraverso gli aspetti folcloristici e le soluzioni economiche

Parafrasando J. F. Kennedy noi possiamo non interessarci della sanità, ma prima o poi sarà la sanità ad interessarsi di noi Trattasi di un approccio interdisciplinare, spesso trascurato dalla specializzazione che contraddistingue la nostra società, ma che permette di fornire risposte sul come si sono sviluppati i sistemi sanitari, dall’origine delle civiltà ad oggi e fornire spunti per un diverso approccio per il futuro. Le analisi storiche condotte nel settore della tutela della salute si sono spesso concentrate su come l’uomo ha ottenuto successi nell’arte del curare: vi sono però anche altre modalità di osservazione costituite dalla volontà presente in tutti gli esseri e in tutte le popolazioni di affrontare il problema salute. Come l’uomo si è organizzato nel ricercare le risorse necessarie e gli atteggiamenti culturali idonei, diventa così l’oggetto principale di questo studio. Aspetti folcloristici, rivoluzioni sociali, analisi etiche e soluzioni economiche, hanno generato un mix di soluzioni che tra errori e irrazionalità ci hanno permesso, nel corso dei secoli, di migliorare le condizioni di vita.



Posted on: 2020/06/18, by :